DOWNLOAD PDF : Registrati e scarica le frasi degli autori in formato PDF. Il servizio è gratuito.

Commenti alla frase di Charles Bukowski

    Viviamo da moltissimo tempo in una dittatura nascosta, celata da una falsa democrazia, Ci obbligano di fatto a sottostare ai voleri di quei pochi individui che hanno l'effettivo potere.
    Ribellarsi è un nostro obbligo per essere liberi di decidere della nostra vita... ma è solo un'illusione !!!

    Commento inserito: lunedì 17 febbraio 2014 alle ore 17:28
    Da: Rosa Maria

    Azzeccatissimo e collaudato dai fatti, l'aforisma. di Bukowski
    Un po' banale, ma purtroppo aderente al-la realtà italiana, è un mio epigramma bicipite degli anni '60:

    Amico mio, se c'è la dittatura
    tira diritto e non aver paura,
    guardati dai segugi e dagli amici
    e pensa bene a quello che tu dici.

    Se invece, amico, sei in democrazia
    puoi vivere con tutti in armonia,
    se non molesti i ladri e bruci incensi
    e ti guardi dal dire qul che pensi..

    .

    Commento inserito: lunedì 17 febbraio 2014 alle ore 17:09
    Da: Ferruccio bravi

    Visto il momento che stiamo attraversando, non c'è che da condividere questo pensiero. Grazie.

    Commento inserito: lunedì 17 febbraio 2014 alle ore 10:30
    Da: Luigi

    ... E se pure si votasse, in dittatura, ci direbbero prima, per chi farlo; un'ulteriore fatica in meno!!.....

    Commento inserito: lunedì 17 febbraio 2014 alle ore 9:35
    Da: Concetta

    Ma esiste la vera democrazia? (da noi non credo proprio, si è votato e fatto delle scelte)
    (parlo dei referendum,scelta democratica popolare) E NON SE NE E' ""FATTO NIENTE""(e questa è democrazia ?)...
    Forse una sana dittatura applicata,non al popolo, che, oltretutto, e' SOVRANO (invece subisce frequentemente) ma ai politici, ci farebbe pensare che, finalmente, si realizzerà qualcosa di concreto e sano per la nostra bella Nazione, che stà andando a pezzi.

    Commento inserito: lunedì 17 febbraio 2014 alle ore 8:54
    Da: Anonimo

    C'era una volta una classe di asini che decise di scegliere il suio maestro ed elesse il più asino dei loro. così è nata la democrazia

    Commento inserito: venerdì 18 marzo 2011 alle ore 21:48
    Da: Silvio Valenti

Preferisci lasciare un commento attraverso Facebook?
La tua opinione è importante!

Ricevi una bella frase

I s c r i v i t i