NOVITA' DOWNLOAD PDF : Registrati e scarica le frasi degli autori in formato PDF. Il servizio è gratuito.

I pirati di Silicon Valley

Frasi del film

Nel nostro database ci sono 7 frasi relative al film I pirati di Silicon Valley. Leggile tutte.
Frasi di I pirati di Silicon Valley

Riassunto e trama del film I pirati di Silicon Valley

[da Wikipedia]
L'inizio del film si apre sul set cinematografico dello spot televisivo della Apple Inc., la cui regia fu affidata a Ridley Scott (J. G. Hertzler), ed è una sorta di ribellione contro il "Grande Fratello" (personificato nella IBM). Poi Steve Wozniak (Joey Slotnick) inizia a raccontare di quando costruiva blue box (ovvero congegni per telefonare gratis) che vendeva con Steve Jobs (Noah Wyle), allora entrambi capelloni. Racconta di quella volta che telefonò alla Città del Vaticano chiedendo di parlare con il pontefice che allora stava dormendo.[2]

Nonostante il parere contrario dell'amico, Woz, dopo essere stato perquisito dalla polizia, decise di smettere di costruirne e passare a ciò che di lì a poco avrebbe rivoluzionato il mondo: il Personal Computer. Poi comincia la narrazione della storia della Microsoft.

Bill Gates (Anthony Michael Hall) si trovava all'Università di Harvard e discuteva con i suoi amici (Steve Ballmer (John DiMaggio) e Paul Allen (Josh Hopkins) ) di pornografia giocando a poker. Ed è proprio con Allen che comincia a scrivere il Basic per l'appena uscito computer Altair. Poi Paul parte per Albuquerque per consegnare il programma, mentre Bill si ricorda improvvisamente che hanno dimenticato di scrivervi il loader. L'affare va comunque in porto e alla piccola azienda viene regalato il computer.

Intanto Wozniak prosegue col suo progetto del PC, mentre Jobs si destreggia tra i suoi problemi personali. All'Homebrew Club, dove ogni appassionato mostrava le sue creazioni a basso budget, Jobs mostra la fantascientifica innovazione e riesce a venderne ben 50 dichiarando guerra al colosso IBM. Il giorno dopo, prima di cominciare la costruzione dei computer, Wozniak è costretto a proporre l'acquisto alla Hewlett-Packard con la quale aveva un contratto. Ma il loro dirigente rifiuta con la celebre e perentoria frase "Ma che diavolo può farsene la gente comune dei computer?". E qui comincia ufficialmente la storia della Apple Inc. e l'entrata di Steve Jobs tra gli uomini d'affari, simboleggiata dal cambio di look. Un Jobs rasato accoglie allora nel suo garage, dove si stavano costruendo i mini-computer, Mike Markkula, che era interessato ad investire 250.000 dollari. I fondatori intanto della Microsoft vanno alla MITS ad Albuquerque.

L'accordo con la produttrice dell'Altair 8800 era di 15 dollari a licenza per il Basic, ma Bill Gates riesce a convincere Ed Roberts (Gailard Sartain) a pagare il doppio. La società si stabilisce in un motel ed assume un paio di impiegati. Da lì al 1977 i due riescono ad acquistare un piccolo palazzo ed estendere i loro affari. I due Steve sono alla fiera del computer con poche macchine, ma intenzionati a venderne molte. La trasformazione di Jobs procede: si taglia i baffi e cambia stile nel vestire. La gente si accalca sullo stand della Apple, e quando arriva Bill Gates, questo viene totalmente ignorato da Jobs e rinuncia a proporre l'acquisto del Basic. La Apple ora è un'azienda in piena regola, con decine di impiegati e un enorme palazzo. Steve Jobs intanto viene a sapere che sta per avere un figlio da Arlene (Gema Zamprogna), ma rifiuta di crederci scaricando la sua rabbia sui dipendenti. Steve Ballmer intanto si unisce alla Microsoft mentre Bill Gates prepara un colloquio con la IBM, con cui riesce ad ottenere un contratto riguardante il non ancora sviluppato Disc Operating System (basato su DOS). Questo contratto prevedeva di cedere in licenza con ogni PC IBM il sistema operativo. Ottenuto l'accordo con il colosso dell'informatica, Paul Allen comprò dalla Seattle Computer Products il clone a 16 bit del CP/M, chiamato QDOS. E da qui cominciò il successo della Microsoft.

Alla Apple va tutto a gonfie vele. John Sculley (Allan Royal) entra nella società come amministratore delegato. Mentre Jobs è alle prese con la questione della paternità, Wozniak ha dubbi sul comportamento del socio. Jobs va a far visita ad Arlene e scopre di avere una bambina; insieme concordano sul nome Lisa.

Allora Steve chiede alla Apple di creare il computer Lisa, "rubando" le idee di base alla Xerox, dove la dirigenza non dava credito al progetto del sistema operativo grafico e del mouse (per esattezza, per poter accedere alle idee di base, a Xerox venne data la possibilità di acquistare 100.000 azioni Apple per un valore di un milione di dollari, con il patto di poter accedere al PARC e visionare i loro lavori[3]). Anche Bill Gates decide di "rubare" le nuove idee emergenti, e si reca con i suoi tre soci alla Apple. Jobs, fiero, gli presenta alcuni programmatori e il Macintosh. Gates allora cerca di stringere accordi per vendere software e facendo leva sul desiderio di Steve di annientare l'IBM, riesce ad ottenere 3 prototipi di Mac. Steve Wozniak, appena uscito dall'ospedale per un incidente, non può fare a meno di notare la trasformazione subita dall'azienda per via di Jobs che ha messo la squadra Macintosh contro quella dell'Apple II, e torna al college, lasciando l'azienda. Alla Microsoft il progetto Windows procede in segreto, ma a rilento. Jobs viene a saperlo, e, su tutte le furie, chiede lumi a Bill. Gates pacatamente convince Steve che non è vero.

Alla presentazione del Macintosh viene trasmesso lo spot (di cui si è parlato all'inizio del film). Subito dopo a Steve Jobs vengono consegnati computer NEC venuti dal Giappone con software Microsoft. Il presidente della Apple allora accusa Bill Gates di aver rubato le idee, ma Gates ribatte facendo riferimento alla Xerox. Steve allora ribatte che il proprio sistema è migliore, e Gates risponde tranquillamente che "la cosa non ha importanza". Tra le ultime immagini c'è un brindisi a Steve Jobs promosso alla sua festa di compleanno da John Sculley. Poi viene raccontato ciò che è successo dopo: John Sculley licenziò Steve Jobs; Steve Wozniak insegna informatica ai bambini e finanzia un corpo di ballo; Lisa fa parte della nuova famiglia di Steve Jobs; Steve Jobs è tornato alla Apple nel 1997; la Microsoft possiede parte della Apple (al 1997); Bill Gates è l'uomo più ricco del mondo.

Anno

1999 (18 anni fa)

Titolo originale

Pirates of Silicon Valley

Genere

Biografico

Durata

95 minuti (1 ora e 35 minuti)

Data di uscita

domenica 20 giugno 1999

Poster e locandina

Attori del film I pirati di Silicon Valley

Noah Wyle nel ruolo di Steve Jobs
Anthony Michael Hall nel ruolo di Bill Gates
Joey Slotnick nel ruolo di Steve Wozniak
Josh Hopkins nel ruolo di Paul Allen
John DiMaggio nel ruolo di Steve Ballmer
J. G. Hertzler nel ruolo di Ridley Scott
Wayne Péré nel ruolo di Captain Crunch
Sheila Shaw nel ruolo di Madre di Wozniak
Gema Zamprogna nel ruolo di Arlene
Gailard Sartain nel ruolo di Ed Roberts
Allan Kollman nel ruolo di lo psicoterapeuta di Jobs
Richard Waltzer nel ruolo di impiegato Apple
Marcus Giamatti nel ruolo di Dan
Melissa McBride nel ruolo di Elizabeth
Jeffrey Nordling nel ruolo di Mike Makkula
Mark Worden nel ruolo di Chris Larson
Kelly Mullis nel ruolo di Hooker
René Rivera nel ruolo di Pimp
Allan Royal nel ruolo di John Sculley
Cardella DeMillo nel ruolo di Ella Fitzgerald

Doppiatori e personaggi

Diego Sabre nel ruolo di Bill Gates
Claudio Moneta nel ruolo di Steve Jobs

Sceneggiatura

Paul Freiberger, Michael Swaine, Martyn Burke

Musiche

Frank Fitzpatrick

Altre schede di film

Scrivi un commento su questo film. La tua opinione è importante!

Altre frasi o articoli interessanti

Ricevi una bella frase

I s c r i v i t i