NOVITA' DOWNLOAD PDF : Registrati e scarica le frasi degli autori in formato PDF. Il servizio è gratuito.

La caduta - Gli ultimi giorni di Hitler

Frasi del film

Nel nostro database ci sono 7 frasi relative al film La caduta - Gli ultimi giorni di Hitler. Leggile tutte.
Frasi di La caduta - Gli ultimi giorni di Hitler

Riassunto e trama del film La caduta - Gli ultimi giorni di Hitler

[da Wikipedia]
Nel novembre 1942 Adolf Hitler (Bruno Ganz), durante una riunione alla Tana del Lupo di Rastenburg, assume Junge come sua segretaria.

Il 20 aprile 1945, durante la battaglia di Berlino, un bombardamento d'artiglieria sveglia Traudl, la collega Gerda Christian (Birgit Minichmayr) e la cuoca Constanze Manziarly (Bettina Redlich) nella loro stanza del Führerbunker. Hitler viene informato dal generale Wilhelm Burgdorf (Justus von Dohnányi) e poi da Karl Koller che Berlino è sotto attacco e che l'Armata Rossa ha avanzato al raggio di 12 chilometri del centro della capitale. Al ricevimento del cinquantaseiesimo compleanno del Führer, il Reichsführer-SS Heinrich Himmler (Ulrich Noethen) e il suo aiutante generale Hermann Fegelein (Thomas Kretschmann) cercano invano di convincere il dittatore a lasciare la città, ma Hitler rifiuta. Himmler cerca di negoziare i termini di resa con gli Alleati occidentali all'insaputa di Hitler. Intanto, in un'altra parte della capitale, un gruppo di membri della Gioventù hitleriana stanno rafforzando le difese. Peter, uno dei membri, viene sollecitato dal padre a disertare, ma rifiuta ostinatamente.

In un'altra parte della città, il medico e tenente colonnello delle SS Ernst-Günther Schenck (Christian Berkel) cerca di convincere un generale di ignorare un ordine di evacuazione ed è quindi richiesto dal Brigadeführer Wilhelm Mohnke (André Hennicke) di portare tutte le forniture mediche disponibili per la Cancelleria del Reich. Durante la sera, Hitler discute con il suo architetto Albert Speer (Heino Ferch) a proposito della sua nuova politica di terra bruciata, mentre Eva Braun (Juliane Köhler) organizza una festa per gli abitanti del bunker, che viene però interrotta da una cannonata sovietica.

Il 21 aprile, mentre la sua unità è fuori a combattere i sovietici, il generale Helmuth Weidling (Michael Mendl) va al bunker in attesa di essere fucilato per aver ordinato un ritiro a ovest. Dopo aver spiegato al generale Hans Krebs (Rolf Kanies) e a Burgdorf che si è trattato di un equivoco, viene promosso dal feldmaresciallo Wilhelm Keitel (Dieter Mann) con l'obiettivo di sorvegliare le difese fatiscenti di Berlino. Il 22 aprile il Führer ordina un attacco della divisione del generale Felix Steiner per respingere l'avanzata dei russi, ma viene informato da Krebs e dal generale Alfred Jodl (Christian Redl) che Steiner manca di forze sufficienti per l'attacco. Dopo aver respinto tutti gli ufficiali dalla sala conferenze ad eccezione di Keitel, Jodl, Krebs, e Burgdorf, Hitler scoppia in una crisi di rabbia.

Dopo aver visto dei civili combattenti morire inutilmente in battaglia, Mohnke affronta il ministro della propaganda Joseph Goebbels (Ulrich Matthes) e cerca di persuaderlo a far evacuare i civili. Goebbels risponde a Mohnke che non ha nessuna compassione per i civili, siccome hanno già scelto il loro destino. Hitler perde il senso della realtà e ordina al feldmaresciallo Keitel di trovare l'ammiraglio Karl Dönitz, che il Führer crede stia raccogliendo truppe del nord, e di aiutarlo a pianificare un'offensiva per ritrovare i campi petroliferi rumeni.

La notte del 23 aprile il Reichsleiter Martin Bormann (Thomas Thieme) interrompe un incontro tra Hitler, Goebbels e Walther Hewel leggendo un telegramma del maresciallo Hermann Göring, proponendo il permesso di assumere il comando e diventare capo di Stato. Hitler risponde rabbiosamente ordinando di degradare e arrestare Göring, dopodiché nomina Robert Ritter von Greim (Paolo Lombardi) come suo sostituto. Più tardi, Hitler riceve nuovamente la visita di Speer, il quale informa, durante un colloquio privato, che ha ignorato i suoi ordini di terra bruciata. Hitler tuttavia non punisce Speer e quest'ultimo, sebbene non stringe la mano del Führer, lo saluta per poi abbandonare Berlino.

A cena, Hitler riceve un rapporto che Himmler ha contattato il diplomatico Folke Bernadotte nel tentativo di negoziare la resa. In preda all'ira, ordina a von Greim e alla sua amante Hanna Reitsch (Anna Thalbach) di trovare Himmler e Fegelein e portarli al suo cospetto. Dopo essere stato informato dalla sua guardia del corpo Otto Günsche (Götz Otto) che Fegelein ha abbandonato il bunker, Hitler ordina comunque di continuare le ricerche e di giustiziarlo per tradimento.

Il 28 aprile, il Reichsphysician delle SS Ernst-Robert Grawitz, capo della Croce Rossa tedesca, chiede il permesso a Hitler di evacuare Berlino per paura di rappresaglie da parte dei russi per le sue azioni. Hitler rifiuta ancora una volta la proposta e Grawitz va a casa uccidendo se stesso e la sua famiglia con delle granate. Quella stessa notte, Fegelein viene trovato e sommariamente fucilato.

Le notizie si fanno ancora più cupe quando Weidling dice a Hitler che non ci sono riserve e Mohnke riferisce che i sovietici sono a 300 o 400 metri dalla Cancelleria del Reich. Hitler rassicura gli ufficiali che il generale Walther Wenck della 12ª Armata li salverà dalla situazione. Dopo che il Führer lascia la sala conferenze, i generali sono tutti d'accordo che l'attacco di Wenck non sarà in grado di fermare l'avanzata dei russi. Dopo la mezzanotte del 29 aprile, Hitler, con l'aiuto di Traudl, detta il suo testamento politico, prima di sposare Eva Braun. Dopodiché ordina a Gunsche di bruciare le sue spoglie una volta compiuto il suicidio, per poi ordinare a Goebbels di lasciare Berlino, ma quest'ultimo rifiuta.

Il 30 aprile, i dottori Schenk, Werner Haase (Matthias Habich) e l'infermiera Erna Flegel (Elizaveta Boyarskaya) vengono convocati nel bunker per essere ringraziati dal Führer per i loro servizi medici nei confronti dei feriti. Il dottor Haase spiega a Hitler il metodo migliore per il suicidio e, per verificare l'effetto letale del cianuro per Eva Braun, lo somministra a Blondi, il pastore tedesco del dittatore. Dopo aver mangiato il suo ultimo pasto, Hitler saluta tutto il personale bunker e decora Magda Goebbels (Corinna Harfouch) con l'Insegna d'oro del Partito Nazionalsocialista dei Lavoratori Tedeschi come "la più eroica madre del Reich". Emotivamente impressionata dal gesto, Magda si reca nello studio di Hitler e cerca disperatamente di convincerlo ancora una volta a riconsiderare il suicidio, ma il Führer non lo fa in quanto è il destino che ha voluto così. Alle 15:30 del pomeriggio, Eva si uccide col cianuro, Hitler si spara alla testa e i loro corpi vengono infine cremati nel cortile della Cancelleria.

La sera stessa, Krebs incontra il generale Vasily Chuikov per tentare di negoziare le condizioni di pace, ma senza successo. Goebbels rimprovera i suoi generali, ricordando a loro che Hitler aveva proibito la capitolazione. Hans Fritsche lascia la sala riunioni per cercare di prendere la situazione nelle proprie mani, per poi essere quasi ucciso da un indignato Burgdorf. Intanto, con l'aiuto del medico delle SS Ludwig StumpfeggerMagda uccide i suoi sei bambini con il cianuro. Dopodiché, lei e suo marito Joseph si recano nel giardino della Cancelleria, dove Goebbels spara alla moglie e poi rivolge la pistola su se stesso. Il resto del personale nel bunker comincia ad evacuare mentre Krebs e Burgdorf si suicidano anche loro. Contemporaneamente, Weidling trasmette un messaggio alla città che Hitler è morto e che sarà alla ricerca di un accordo per cessare le ostilità.

Traudl, Gerda e le restanti truppe delle SS lasciano il bunker insieme a Schenck, Mohnke e Günsche. Hewel riesce a unirsi a loro, ma dopo aver appreso la capitolazione si spara. Nel frattempo, i bambini soldato sono tutti caduti vittima della tassa russa tranne Peter, che scopre che una squadra ha giustiziato i suoi genitori. Mentre le truppe dell'Armata Rossa sono nelle strade, Traudl decide di lasciare. Peter la accompagna in mezzo alle truppe e si affrettano a lasciare la città. Ad un ponte in rovina, Peter trova una bicicletta e pedala con Traudl lontano da Berlino.

Anno

2004 (13 anni fa)

Titolo originale

Der Untergang

Genere

Biografico, Azione, Guerra, Drammatico, Storico

Durata

150 minuti (2 ore e 30 minuti)

Regia

Oliver Hirschbiegel

Film di Oliver Hirschbiegel

Data di uscita

venerdì 29 aprile 2005

Poster e locandina

Attori del film La caduta - Gli ultimi giorni di Hitler

Bruno Ganz nel ruolo di Adolf Hitler
Alexandra Maria Lara nel ruolo di Traudl Junge
Corinna Harfouch nel ruolo di Magda Goebbels
Ulrich Matthes nel ruolo di Joseph Goebbels
Juliane Köhler nel ruolo di Eva Braun
Heino Ferch nel ruolo di Albert Speer
Christian Berkel nel ruolo di Ernst-Günther Schenck
Matthias Habich nel ruolo di Werner Haase
Thomas Kretschmann nel ruolo di Hermann Fegelein
Michael Mendl nel ruolo di Helmuth Weidling
André Hennicke nel ruolo di Wilhelm Mohnke
Ulrich Noethen nel ruolo di Reichsführer-SS Heinrich Himmler
Mathias Gnädinger nel ruolo di Reichsmarschall Hermann Göring
Birgit Minichmayr nel ruolo di Gerda Christian
Rolf Kanies nel ruolo di Hans Krebs
Justus von Dohnányi nel ruolo di Wilhelm Burgdorf
Dieter Mann nel ruolo di Wilhelm Keitel
Christian Redl nel ruolo di Alfred Jodl
Götz Otto nel ruolo di Otto Günsche
Thomas Limpinsel nel ruolo di Heinz Linge
Thomas Thieme nel ruolo di Reichsleiter Martin Bormann
Alexander Held nel ruolo di Walter Hewel
Donevan Gunia nel ruolo di Peter Kranz
Yelena Zelenskaya nel ruolo di Inge Dombrowski
Bettina Redlich nel ruolo di Constanze Manziarly
Heinrich Schmieder nel ruolo di Rochus Misch
Anna Thalbach nel ruolo di Hanna Reitsch
Dietrich Hollinderbäumer nel ruolo di cavaliere Robert Ritter von Greim
Ulrike Krumbiegel nel ruolo di Dorothee Kranz
Karl Kranzkowski nel ruolo di Wihelm Kranz
Thorsten Krohn nel ruolo di dottor Ludwig Stumpfegger
Jürgen Tonkel nel ruolo di Erich Kempka
Devid Striesow nel ruolo di sergente Fritz Tornow
Fabian Busch nel ruolo di Obersturbannführer Gert Stehr
Christian Hoening nel ruolo di Ernst-Robert Grawitz
Alexander Slastin nel ruolo di generale Vasilij Čujkov
Elizaveta Boyarskaya nel ruolo di Erna Flegel
Alina Sokar nel ruolo di figlia di Goebbels
Dirk Borchardt nel ruolo di comandante Panzer
Traudl Junge nel ruolo di sé stessa (immagini di repertorio)

Doppiatori italiani

Rodolfo Bianchi nel ruolo di Adolf Hitler
Domitilla D'Amico nel ruolo di Traudl Junge
Ludovica Modugno nel ruolo di Magda Goebbels
Roberto Pedicini nel ruolo di Joseph Goebbels
Roberta Greganti nel ruolo di Eva Braun
Francesco Prando nel ruolo di Albert Speer
Angelo Maggi nel ruolo di Ernst Günther Schenck
Carlo Reali nel ruolo di Werner Haase
Loris Loddi nel ruolo di Herman Fegelein
Stefano De Sando nel ruolo di Helmuth Weidling
Gaetano Varcasia nel ruolo di Reichsführer-SS Heinrich Himmler
Fabrizio Pucci nel ruolo di Wilhelm Mohnke
Vittorio Guerrieri nel ruolo di Wilhelm Burgdorf
Mario Bombardieri nel ruolo di Wilhelm Keitel
Paolo Lombardi nel ruolo di Robert Ritter von Greim
Graziella Polesinanti nel ruolo di Traudl Junge (immagini di repertorio)

Premi

Nomination Oscar Al Miglior Film Straniero
Kansas City Film Critics Circle Awards 2006 Miglior Film Straniero
British Independent Film Awards 2005 Miglior Film Straniero
Premi Robert 2006: miglior film straniero non statunitense

Soggetto e sceneggiatura

Bernd Eichinger

Musiche

Stephan Zacharias

Altre schede di film

Scrivi un commento su questo film. La tua opinione è importante!

Altre frasi o articoli interessanti

Ricevi una bella frase

I s c r i v i t i