Aforismi
Accedi/Registrati
NOVITA' DOWNLOAD PDF : Registrati e scarica le frasi degli autori in formato PDF. Il servizio è gratuito.

L'ultimo samurai

Frasi del film

Nel nostro database ci sono 21 frasi relative al film L'ultimo samurai. Leggile tutte.
Frasi di L'ultimo samurai

Riassunto e trama del film L'ultimo samurai

[da Wikipedia]
Nel 1876, un capitano americano, Nathan Algren, viene incaricato per conto dell'Impero Giapponese di addestrare l'esercito dell'imperatore Meiji allo scopo di eliminare i samurai ribelli presenti nel territorio.

Algren, veterano del 7º Reggimento di cavalleria è alcolizzato e lavora pubblicizzando i fucili della Winchester. La missione affidatagli è per lui solo un modo per far soldi e fuggire da un ricordo terribile e opprimente. Arrivato in Giappone scopre un mondo in piena conflittualità tra la frenetica corsa alla modernità tecnologica e commerciale voluta dal nuovo e giovane imperatore e la cultura millenaria di un popolo dedito alla filosofia e alla guerra ideologica dei samurai.

I generali giapponesi vogliono affrettare la fine della guerra e inviano subito le truppe per intercettare i samurai, anche se Algren cerca invano di convincerli che le truppe non sono pronte. Questa decisione si rivela troppo affrettata, e l'esercito, composto soprattutto da contadini, viene sconfitto dai ribelli (i quali invece vivono immersi in una filosofia che fa della guerra una vera e propria arte e ragion d'essere). Con la fuga disordinata dei suoi sottoposti, Algren rimane da solo; ferito e circondato, non si arrende neanche ai samurai che, scesi da cavallo per finirlo, rilassano la propria attenzione. Agli occhi del comandante avversario, Katsumoto (Ken Watanabe), la testardaggine del proprio nemico vale a redimerlo dalla "colpa" di aver perso ed è simbolo di personalità e senso dell'onore, il tutto unito alla lancia utilizzata avente lo stendardo della tigre bianca, del quale Katsumoto coglie il messaggio; per questo motivo dà ordine di risparmiarlo e portarlo al proprio villaggio.

Qui Algren impara a conoscere la cultura giapponese tradizionale (che non aveva avuto modo né voglia di approfondire a Yokohama, dove aveva addestrato il nuovo esercito), scoprendo che, ad esempio, i ribelli combattono per l'Imperatore, senza alcuna velleità secessionista; suo mentore è lo stesso Katsumoto che, seppur contrario all'occidentalizzazione non disprezza affatto la cultura esterna, ma ne è, al contrario, molto incuriosito. Il capitano decide di schierarsi al fianco dei ribelli e, col tempo, incomincia a essere trattato da pari dai samurai che aveva in precedenza combattuto. Uno dei primissimi abitanti del villaggio con cui instaura un rapporto personale è Taka (Koyuki Katō), sorella di Katsumoto e vedova di Hirotaro (il quale era stato ucciso dallo stesso Algren in battaglia), di cui finisce per innamorarsi.

I samurai combattono per le tradizioni e per l'Imperatore a cui sono fedeli fino alla morte e contro gli ideali occidentali del commercio e della tecnologia, voluta da politici e generali opportunisti. Il capo dei ribelli samurai, Katsumoto, si incontra con l'Imperatore Meiji ma questi è troppo debole per opporsi al volere del Primo Ministro Omura (Masato Harada) e ai politici. Katsumoto viene arrestato e come da tradizione gli spetta il suicidio rituale. Ma Algren e i samurai lo liberano e lo convincono a morire, non per suicidio, ma riguadagnando l'onore combattendo. Tutti sono consapevoli che le spade dei samurai non possono reggere al confronto con le armi da fuoco dell'esercito e nella battaglia finale, nonostante i ripetuti colpi di fucile e di mitragliatrice, i Samurai resistono con onore vendendo cara la pelle, non dichiarandosi sconfitti nemmeno dopo pallottole su pallottole piantate nei loro corpi; alla fine Katsumoto supplica Algren di dargli il colpo di grazia, e Algren esegue. L'ultima parola che il ribelle Samurai rivolge all'eroe americano è: "perfetti, sono tutti perfetti", alludendo ai fiori di ciliegio oggetto di una precedente conversazione, e muore tra le braccia del capitano americano. I soldati dell'esercito regolare giapponese, assistito al supremo sacrificio del leader ribelle, riscoprono le loro tradizioni e i loro valori e si inchinano commossi davanti al cadavere di Katsumoto.

Algren, miracolosamente sopravvissuto alla sanguinosa battaglia, dopo qualche tempo ottiene udienza di fronte all'imperatore Meiji a cui consegna la spada del defunto Katsumoto. L'imperatore commosso dal sacrificio del samurai decide, con disappunto dei generali e dei consiglieri, di annullare gli accordi con il governo americano per l'acquisto di armi occidentali e di confiscare i beni della famiglia di Omura, colpevole di non aver agito nell'interesse dell'Impero.

Nell'ultima scena del film Algren fa ritorno al villaggio di Katsumoto per riunirsi con Taka e la sua famiglia.

Anno

2003 (14 anni fa)

Titolo originale

The Last Samurai

Genere

Avventura, Drammatico, Storico

Durata

150 minuti (2 ore e 30 minuti)

Data di uscita

venerdì 5 dicembre 2003

In Italia: venerdì 9 gennaio 2004

Poster e locandina

Attori del film L'ultimo samurai

Tom Cruise nel ruolo di Capitano Nathan Algren
Ken Watanabe nel ruolo di Katsumoto
Shin Koyamada nel ruolo di Nobutada
Tony Goldwyn nel ruolo di Colonnello Benjamin Bagly
Masato Harada nel ruolo di Omura
Shichinosuke Nakamura nel ruolo di Imperatore Mutsuhito
Hiroyuki Sanada nel ruolo di Ujio
Timothy Spall nel ruolo di Simon Graham
Seizo Fukumoto nel ruolo di Bob
Koyuki Katō nel ruolo di Taka
Billy Connolly nel ruolo di Sergente Zebulon Gant
Shun Sugata nel ruolo di Nakao
Togo Igawa nel ruolo di Generale Hasegawa
Scott Wilson nel ruolo di Ambasciatore Swanbeck
William Atherton nel ruolo di Venditore di Winchester
Sosuke Ikematsu nel ruolo di Higen

Biografie correlate al film L'ultimo samurai

Sceneggiatura

John Logan, Marshall Herskovitz, Edward Zwick

Soggetto

John Logan

Musiche

Hans Zimmer

Altre schede di film

Scrivi un commento su questo film. La tua opinione è importante!

Altre frasi o articoli interessanti

Ricevi una bella frase

I s c r i v i t i