DOWNLOAD PDF : Registrati e scarica le frasi degli autori in formato PDF. Il servizio è gratuito.

Commenti alla frase

  • Sono pienamente d'accordo. Spesso ci si accorge tardi di cose che a noi, sembrano superficiali ed, invece non lo sono per niente, come questa storiella da me parzialmente inventata che ha, alla fine, una morale simile. Buona lettura. Ciao. Franco, 61 anni di Milano.

    UN ATTIMO DOPO

    Una mattina d’estate di molti anni fa’, come quasi tutte le mattine, uscii di casa molto presto, per recarmi a lavoro, alle 5, 45. Scesi la solita rampa di scale che dal primo piano dove abitavo, e abito tutt’ora, porta al portone d’ingresso che permette di attraversare il piccolo cortile condominiale dove, poi, si deve solcare un secondo cancello in ferro tinteggiato di nero che, passatolo, ci si trova direttamente, sul marciapiede della via di transito dei veicoli. In quel breve tratto di cortile, notai su uno dei rami piu’ bassi di un piccolo albero che si reggeva quasi a margine del giardino dello stesso, un uccellino. Istintivamente, allungai il mio braccio destro verso di lui, con il palmo della mano rivolto in su’. Sorprendentemente, anche l’uccellino ebbe questo medesimo istinto e, con un piccolo movimento di ali, volò, posandosi sul palmo della mia mano. Io ne ero quasi incredulo, un uccellino sulla mia mano…. incredibile. Lo guardai. La sensazione era la stessa di un neonato tra le braccia. Mi riempii gli occhi di quella piccola creatura, immagine tenera ed inaspettata. Aveva un becco sottile ed un piumaggio nerastro con riflessi verdi e purpurei. Questo incontro di sguardi, non durò a lungo. Pensai che tenerlo tanto tempo sulla mano, fosse come, in un certo senso, imprigionarlo, un tacito obbligo di restare li’, con me. Allora, con un leggero e sussultorio movimento, scossi il mio braccio, come fosse una lieve spintarella, un aiuto a farlo volar via. Cosi’ fece, volò via…in piena libertà. Lo seguii con lo sguardo, finchè scomparve completamente, nel cielo azzurro. Ma ecco che, un attimo dopo, mi pentii di ciò che avevo fatto. Mi pentii di averlo lasciato libero…non che volessi non lasciarlo libero, ma avrei potuto tenerlo ancora un pochino sulla mia mano, mirarlo e rimirarlo ancora per un po’…tanto l’avrei lasciato andarsene ugualmente, pensai che non mi sarebbe mai piu’ presentata un’occasione cosi’ surreale, meravigliosa…. quasi fiabesca. Si’, pensai questo…. ma un attimo dopo. Riflettei a lungo su questo. Accidenti, mi domandai, ma quante cose abbiamo fatto…detto…intrapreso fino ad ora senza pensare veramente a quello che stavamo facendo e dicendo in quel preciso momento e ci siamo resi conto solo un attimo dopo che avremmo potuto prendere certe decisioni o fare certe cose, in modo totalmente, o quasi, diverso.
    Ma la vita è questa, è gioia mischiata a dolore, allegria mischiata a malinconia…situazioni diverse e rancori infiniti, alcuni devono iniziare, alcuni, invece, sono già finiti.
    Storie da cominciare e storie appena finite…. queste sono le nostre vite.

    Commento inserito: mercoledì 12 febbraio alle ore 15:27
    Da: Franco

Preferisci lasciare un commento attraverso Facebook?
La tua opinione è importante!

Ricevi gli aggiornamenti

Inserisci la tua migliore e-mail