DOWNLOAD PDF : Registrati e scarica le frasi degli autori in formato PDF. Il servizio è gratuito.

Commenti alla frase di Nicola Gratteri

Nicola Gratteri

Cit. da Ossigeno illegale ‐ Incipit
  • Il fenomeno è molto più complesso tanto da ridurlo ad una semplice affermazione di “ignoranza” dello stesso. Basta approfondire la ricerca sulle variabili che lo alimentano che vanno oltre la definizione di “emergenza”: politica, lobby, emarginazione, interessi oltre lo strumento che la mafia stessa rappresenta. Del resto “mafia” è un termine onnicomprensivo che ingloba oltre i movimenti illegali e delinquenziali, ogni azione compiuta ai danni del singolo, di un popolo e di una società. La mentalità mafiosa è molto più diffusa di quanto si creda. Giuditta Castelli, sociologa

    Commento inserito: lunedì 28 dicembre 2020 alle ore 10:01
    Da: Giuditta Castelli
  • Esattamente come descritto da Lei per le Mafie. La Medicina lo descrive per le lesioni tumorali, particolarmente per quelle polmonari (il respiro dei concittadini) E pancreatico (la digestione) I 2 organi che da 30 anni, se colpiti da neoplasia, non hanno migliorato la prognosi... in tutte le Ingistizie subite dal popolo minimo, le Mafie fanno il Loro lavoro, deprecabile che sia ma fanno mangiare la gente, lo Stato invece? Sono un infermiera ritirata dal lavoro dopo 30 anni di Servizio e le Auguro le Meglio Cose Sempre. Sappia che la Stimo profondamente anche de non ci conosciamo, credo profondamente che la Calabria e l'Italia TUTTA, meritino di meglio.
    Cordialmente.

    Commento inserito: venerdì 11 dicembre 2020 alle ore 18:50
    Da: Silvia
  • La società italiana convive con la mafia consapevole di non onorare la costituzione del proprio paese e tutto è ricoperto da panna montata che si chiama Stupidità per ridere e scherzare sempre poi la Nazionale di calcio vinca sempre perché chi vince è bello dentro e bello fuori e l'Italia sempre n'è degna e mi giunge or notizia che il 75% degli italiani vuole che anche la mafia italiana diventi patrimonio dell'unesco come la pizza per poter dire finalmente che l'italiano non è quel criminal ma solo un bambino che gioca a fare il mafioso innamorato pazzo sì della propria grande famiglia quindi non esiste umano al mondo più bello di un italiano che non possa entrare nel patrimonio dell'unesco come esempio dell'essere umano al mondo e me lo dice sai adesso Alberto Sordi dall'oltretomba.

    La mafia è immortale e ogni suo funerale è solo un carnevale.

    La mafia non mi piace ma non mi piacevano neanche gli spaghetti allora se la cultura è mafia me la devo far piacere o Dio me la farà pagare.

    Commento inserito: martedì 1 dicembre 2020 alle ore 20:42
    Da: Gianni
  • I tumori di alcuni ne conosciamo le cause e come per la mafia omettiamo di prevenirli quanto di denunciare, di altri stiamo studiando e purtroppo convivendovi. La speranza è che finalmente per gli uni e per la mafia ci sia la cura o l'unione di una buona che solidarizxi contro la cattiva.

    Commento inserito: martedì 1 dicembre 2020 alle ore 11:53
    Da: Riccardo Diasparro
  • Ammirazione per le persone come Nicola Gratteri che a fronte di enormi sacrifici personali e familiari continuano a combattere il fenomeno mafioso (non solo la singola mafia). esempio per chi come me nella veste di nonno cerca di trasmettere questi valori ai propri nipotini

    Commento inserito: martedì 1 dicembre 2020 alle ore 11:39
    Da: Graziani Gabriele
  • La mafia è come una discarica di immondezza che col suo biogas riscalda anche angoli freddi degli apparati pubblici.

    Commento inserito: martedì 1 dicembre 2020 alle ore 9:10
    Da: Graziano Sarritzu
  • Lo stesso si può dire delle religioni che ammorbano la mente suggerendo che la fede nei dogmi sia una 'grazia' e che chi non si pone domande e creda senza dubbi sia per questo superiore e benedetto da quella stessa entità in cui crede. Questo misto d'intimidazione, sottomissione e castrazione del senso critico apre la strada alle mafie anche tarpando le ali ai polli d'allevamento, in perfetta sintonia e simbiosi tra GERarchie e mafie ora, dopo esser state conniventi e funzionali ad ogni forma di potere secolare.

    Commento inserito: martedì 1 dicembre 2020 alle ore 7:55
    Da: Gianmarco Tavazzani
  • Fino a quando la coscienza dei cittadini noi li spingerà a respingere i soprusi e a pretendere l’uguaglianza formale e materiale, nessuno Stato sarà capace capace di distruggere le mafie, cancro della società.

    Commento inserito: martedì 1 dicembre 2020 alle ore 6:50
    Da: Rino Schettini

Preferisci lasciare un commento attraverso Facebook?
La tua opinione è importante!

Ricevi gli aggiornamenti

Inserisci la tua migliore e-mail