DOWNLOAD PDF : Registrati e scarica le frasi degli autori in formato PDF. Il servizio è gratuito.

Commenti alla frase di Alexandre Dumas padre

  • Io non vorrei mai soffrire perché ogni volta che patisco mi salta come un dente l'appetito e se ne scappa pure via la voglia di vivere ma se il mio stato di sofferenza è dovuto a un'ingiustizia allora debbo replicare disposto alla morte come innamorato perché se non lo sono vuol dire che la mia libertà non è poi così importante ed è in questo modo che quando capita dopo avere reagito e avuto la meglio mi ritrovo con la felicità più grande in uno stato di illuminazione divino come passando da un livello all'altro ma non si soffre mai abbastanza se si vuol restare comuni mortali felici e se una mente che soffre si consola e diventa più forte aumenta la conoscenza del piacere come pur una grande musica diventa illusione che ti sequestra dal dolore.

    Da: Gianni
    Data: giovedì 13 gennaio alle ore 21:33
  • Al mondo c'è di tutto, di bello e di brutto e tutto dipende da quanta innocenza è rimasta in noi da quando eravamo bambini e dalla dose d' umiltà e fantasia che possediamo per poter cogliere le sfumature belle che la vita ci offre, nonostante le esperienze che sarebbe stato meglio non averle mai assaporate. L' ideale non esiste e non aiuta farsi paragoni, l' importante è starci bene nella propria pelle, in pace con la propria coscienza e vivere la propria vita in armonia con chi e con ciò che ci circonda, senza avere aspirazioni megalomane, per essere felici, ma certo che la felicità rimane un sentimento soggettivo.

    Da: Gladys Bozanic
    Data: giovedì 13 gennaio alle ore 10:53
  • Verissimo. Quando si è sfiorati dalla morte, si apprezza in pieno lo splendore della vita nella sua grandiosità.

    Da: Paola Villa
    Data: giovedì 13 gennaio alle ore 6:47
  • Morte e vita sono le facce della stessa medaglia; come anche giovinezza e vecchiaia lo sono.
    Ergo, vivere o solo sopravvivere sono le due facce dello scegliere umano...

    Da: Giusy
    Data: giovedì 13 gennaio alle ore 6:28

Preferisci lasciare un commento con Facebook?

RICEVI GLI AGGIORNAMENTI
Inserisci la tua migliore e-mail