DOWNLOAD PDF : Registrati e scarica le frasi degli autori in formato PDF. Il servizio è gratuito.

Commenti alla frase di Pierre de Coubertin

Pierre de Coubertin

  • In genere io credo che chi fa sport amando se stesso sia più sano e più educato di chi non lo fa perché si scarica di tutte le energie negative sì compresa la maleducazione in una società di educazione precaria e si riproduce nelle positività e si ritrova più gentile oh sì mentre chi non fa sport viene assorbito da energie negative attorno a sé e poco a poco se le assorbe finché d'improvviso i suoi pari che non fanno lo sport gli rinfacciano di essere maleducato ma non gli precisano che lo è come loro forse perché non lo sanno e vedono solo i difetti degli altri allora bisognerebbe istituire oh sì una legge che condanni allo sport questa gente villana con regole ben precise nel nome di una sana democrazia.

    Se lo sport non è una droga le supera tutte e quando arrivi a casa stanco sei felice e sogni come un drogato.

    Se lo sport ti migliora interiormente non è mai come fare meditazione buddista ma ti migliora la vista con gli occhiali stenopeici su e giù per le montagne e sei felice come un drogato di sensualità.

    Lo sport è la droga del secolo.

    Commento inserito: domenica 3 gennaio alle ore 21:25
    Da: Gianni
  • Sono d'accordo, purché non sia competitivo, perché in tal caso non si ha un guadagno collettivo di gioia, e inoltre spinge gli atleti a consumare la propria vita in allenamenti faticosi per guadagnare qualche frazione di secondo nella corsa e qualche millimetro nel salto e così via.. Meglio uno sport di solidarietà e di costruzione insieme, specialmente per i ragazzi. No ha senso avere perdenti e vincenti. Lo stimolo è la meta comune e utile per gli altri.

    Commento inserito: domenica 3 gennaio alle ore 10:14
    Da: Filippo
  • Queste parole che condivido pienamente, rafforzano la mia convinzione che se, compatibilmente con le proprie energie e possibilità fisiche, tutti facessero dello sport, saremmo molto più sani e più sereni. ho 78 anni suonati e ancora cammino molto e soprattutto corro in bici, almeno tre volte la settimana, esercizi fisici che mi permettono di avere un fisico molto solido e resistente, non solo, anche una felicità esistenziale che aiuta a superare le mille difficoltà, che in specie di questi tempi sconvolti dalla pandemia, mi permette di essere comunque interprete della mia esistenza.

    Commento inserito: domenica 3 gennaio alle ore 9:42
    Da: Mario Chinello
  • Lo sport è la scommessa per gioco che si rinnova da sé:

    Commento inserito: domenica 3 gennaio alle ore 9:07
    Da: Graziano Sarritzu
  • Bella frase e vera

    Commento inserito: venerdì 4 dicembre 2020 alle ore 16:34
    Da: Fede

Preferisci lasciare un commento attraverso Facebook?
La tua opinione è importante!

Ricevi gli aggiornamenti

Inserisci la tua migliore e-mail