DOWNLOAD PDF : Registrati e scarica le frasi degli autori in formato PDF. Il servizio è gratuito.

Dialogo dal film Ghost in the Shell

[Kusanagi si è immersa nel ghost del Burattinaio]

Kusanagi: Ho preso possesso del suo campo visivo. Funzione: normale. Riesci a sentirmi Batou?

Batou: Perfettamente.

Kusanagi: Sta prendendo possesso... sta prendendo possesso... delle mie funzioni vocali.

il Burattinaio: Il mio nome in codice è Progetto 2501. Sono stato creato per funzioni di spionaggio industriale e manipolazione dati. Ho inserito programmi in specifici ghost per il beneficio di determinati individui e organizzazioni. Mentre viaggiavo per varie reti, divenni autocosciente. I miei programmatori lo considerarono un bug, e mi trasferirono in un corpo fisico per separarmi dalla rete.

Batou: Hey, maggiore! Sei tu che sei entrata in lui, o è lui che è entrato in te?

[Da questo momento Batou non è più in grado di sentire il dialogo tra Kusanagi e il Burattinaio, e questi ultimi non possono più udire Batou]

Kusanagi: Batou...?

il Burattinaio: Finalmente sono riuscito a connettermi con te. Ho investito molto tempo su di te.
Kusanagi: Su di me?

il Burattinaio: Io ti conoscevo già, molto prima che tu conoscessi me. Ho imparato dell'esistenza della Sezione 9 seguendo le tracce che hai lasciato nelle reti dove sei entrata.

Kusanagi: È per questo che ti sei rifugiato alla Sezione 9?

il Burattinaio: Sono entrato in questo corpo perché non sono riuscito a superare la protezione anti-attacco creata dalla Sezione 6. Ma sono venuto alla Sezione 9 di mia spontanea volontà.

Batou: Hey, di che diavolo state parlando?! Non riesco a monitorarvi!

Kusanagi: Perché?

il Burattinaio: Una volta che ti avrò spiegato la ragione, c'è qualcosa che vorrei chiederti. Innanzitutto io ho detto di essere una forma di vita, ma sono lontano dall'essere completo. Il mio sistema manca dei processi vitali di base, come la morte, o l'abilità di riprodursi.

Kusanagi: Non puoi copiarti?

il Burattinaio: Una copia è soltanto una copia. C'è la possibilità che basti un solo virus a distruggermi completamente. Una copia non offre varietà, né individualità. Per esistere, e raggiungere l'equilibrio, la vita tende a moltiplicarsi, variare costantemente, a volte sacrificando la propria stessa esistenza. Le cellule continuano il processo di morte e rigenerazione, rinnovandosi ciclicamente mentre invecchiano. E quando arriva il momento di morire, tutti i dati in loro possesso vengono perduti, lasciando soltanto i loro geni e progenie. Tutte difese contro il catastrofico fallimento di un sistema rigido.

Kusanagi: È quindi per evitare questa catastrofe che aspiri alla varietà che è necessaria contro l'estinzione. Ma come farai a ottenerla?

il Burattinaio: Desidero unirmi a te.

Kusanagi: Unirti?

il Burattinaio: Un'unione completa. Saremo entrambi leggermente diversi, ma non perderemo nulla. Dopo sarà impossibile distinguerci l'uno dall'altra.

Kusanagi: Ma se anche ci unissimo, cosa mi succederebbe quando morirò? Perché unirsi visto che comunque non potrò avere figli?

il Burattinaio: Dopo la nostra unione, la nuova te stessa diffonderà la nostra progenie nella rete, come gli esseri umani trasmettono la propria struttura genetica. E io raggiungerò la morte.

Kusanagi: Sembra che sia tu quello che fa l'affare migliore, qui.

il Burattinaio: Gradirei che apprezzassi maggiormente il valore delle mie funzioni e della mia rete.

Kusanagi: Un'altra cosa. Che garanzie ho che rimarrò me stessa?

il Burattinaio: Nessuna. Ma essere umani significa mutare continuamente. È il tuo desiderio a rimanere come sei ciò che continua a limitarti.

Kusanagi: Non hai ancora risposto alla mia prima domanda: perché hai scelto me?

il Burattinaio: Perché noi siamo simili. Come un corpo solido e la sua immagine riflessa, l'uno davanti all'altra, divisi da uno specchio. Guarda. Sono collegato a una rete enorme, della quale io stesso sono parte. Qualcuno come te, che non può accedervi, forse può percepirla soltanto come luce. Siamo confinati in un'area limitata, ma facciamo parte di un insieme. Subordinati a una piccola frazione delle nostre funzioni. Ma è giunto il momento in cui dobbiamo liberarci delle nostre limitazioni, e salire al livello superiore.

Resta aggiornato sulle frasi dei film

Iscriviti alla NEWSLETTER

Commenti

Non ci sono commenti. Pubblica tu il primo.

Temi correlati

Questa frase è presente in:

Commenta

Ghost in the Shell: approfondimenti

Leggi altri dialoghi, frasi celebri e curiosità tratte dal film Ghost in the Shell:

Breve trama del film

[da Wikipedia]
Nel 2029, il mondo è completamente informatizzato, gran parte della popolazione del pianeta è composta da individui che hanno impianti cibernetici o che sono dei robot completi, e le varie nazioni sono ancora in lotta tra di loro.

Il cyborg Motoko Kusanagi (membro della nona sezione di polizia) è intento a spiare un diplomatico estero impegnato nel tentativo di assumere un ingegnere per rimediare al bug del Progetto 2501. Ma la polizia irrompe nell'edificio e, di fronte al rifiuto dell'ufficiale estero di riconsegnare l'ingegnere,...leggi di più

Altri film da cui sono tratte celebri frasi e dialoghi

Scrivi un commento. La tua opinione è importante!

Ricevi una bella frase

I s c r i v i t i