DOWNLOAD PDF : Registrati e scarica le frasi degli autori in formato PDF. Il servizio è gratuito.

Le idi di marzo

Frasi del film

Nel nostro database ci sono 11 frasi relative al film Le idi di marzo. Leggile tutte.
Frasi di Le idi di marzo

Riassunto e trama del film Le idi di marzo

[da Wikipedia]

Stephen Meyers (Ryan Gosling) è un giovane e brillante addetto stampa per la campagna elettorale di Mike (Yuri Sardarov) Morris, governatore della Pennsylvania e candidato alle primarie democratiche per la presidenza, in competizione con il senatore dell'Arkansas Ted Pullman. I candidati sono in campagna elettorale in Ohio, ed entrambi i loro collaboratori stanno tentando di ottenere il sostegno del senatore della Carolina del Nord Franklin Thompson, che, con la sua influenza presso i grandi elettori democratici, può garantire a uno dei due sfidanti la vittoria.

Dopo un dibattito, Meyers viene contattato dal capo della campagna di Pullman, Tom Duffy (Paul Giamatti), per un incontro segreto. In seguito a tale conversazione chiede al suo capo, il responsabile della campagna di Morris, Paul Zara (Philip Seymour Hoffman), di essere richiamato, ma poi si incontra con Duffy, che gli offre una posizione nella campagna del senatore Pullman. Meyers rifiuta, affermando di aver sposato la campagna di Morris e di credere nelle sue idee. Duffy lo assicura che il suo ottimismo non durerà, poiché Morris potrebbe essere cinico e corrotto come molti altri candidati. Successivamente Zara chiama Meyers per chiedergli cosa avesse da dirgli, ma Meyers minimizza, rispondendo che tutto è stato risolto.

In piena campagna elettorale, Meyers si impegna in una relazione con Molly Stearns (Evan Rachel Wood), una stagista della campagna di Morris e figlia di Jack Stearns (Gregory Itzin), presidente del Democratic National Committee. Grazie a una telefonata di Morris nel cuore della notte, Meyers scopre che il candidato e la stagista hanno avuto rapporti durante una tappa della campagna in Iowa diverse settimane prima, e che Molly è rimasta incinta. Meyers decide di aiutare la ragazza offrendole i soldi per l'aborto, con la condizione di lasciare la campagna subito dopo.

Spinto dall'onestà, Meyers confida a Zara di essersi incontrato con Duffy, il quale gli ha rivelato che Pullman offrirà al senatore Thompson la posizione di segretario di Stato, garantendosi così la vittoria. Ida Horowicz (Marisa Tomei), una giornalista del New York Times, si incontra con Meyers, rivelandogli che una fonte anonima l'ha informata del suo incontro con Duffy, che pubblicherà la notizia a meno che lui non le dia tutte le informazioni circa l'incontro fra Zara e Thompson. Meyers chiede aiuto a Zara, che gli rivela di essere stato proprio lui a informare la giornalista; quindi Zara licenzia Meyers per la sua slealtà nei confronti della campagna, dimostrata dal suo incontro con Duffy.

In preda alla collera, Meyers si reca da Duffy e si offre di lavorare per la campagna di Pullman, ma l'uomo rifiuta, sostenendo di non volere una seconda scelta dettata dalla rabbia. Meyers si ritrova vittima di uno schema machiavellico, in cui Duffy ammette di aver incontrato Meyers al fine di indurlo a raccontare tutto a Zara, così che Zara potesse rimuovere Meyers dalla campagna di Morris, indebolendo il candidato. Nel frattempo, dopo aver abortito, Molly viene a sapere che Meyers è stato licenziato e, temendo che il suo segreto sia rivelato, si suicida con una overdose di pillole.

Meyers ha un duro confronto con Morris, in cui il giovane chiede al governatore di sollevare Zara dal suo incarico per darlo a lui, e di offrire a Thompson la vicepresidenza in modo da garantirsi il suo appoggio, altrimenti la sua relazione con Molly verrà resa pubblica. Morris cede al ricatto quando Meyers sostiene di essere in possesso di un biglietto d'addio trovato in camera di Molly. Dopo il funerale di Molly, Zara si complimenta con Meyers per essere entrato a pieno negli intrighi della politica e di aver tratto vantaggio dalle ultime vicende. Nonostante la sconfitta in Ohio, avendo accettato Thompson e i suoi delegati, Morris si appresta a vincere le primarie come rappresentante dei democratici, in corsa per la futura presidenza degli Stati Uniti d'America.

Anno

2011 (10 anni fa)

Titolo originale

The Ides of March

Genere

Drammatico, Thriller

Durata

101 minuti (1 ora e 41 minuti)

Regia

George Clooney

Film di George Clooney

Data di uscita

mercoledì 5 ottobre 2011

Poster e locandina

Attori del film Le idi di marzo

Ryan Gosling nel ruolo di Stephen Meyers
George Clooney nel ruolo di governatore Mike Morris
Philip Seymour Hoffman nel ruolo di Paul Zara
Paul Giamatti nel ruolo di Tom Duffy
Evan Rachel Wood nel ruolo di Molly Stearns
Marisa Tomei nel ruolo di Ida Horowicz
Jeffrey Wright nel ruolo di senatore Thompson
Max Minghella nel ruolo di Ben Harpen
Jennifer Ehle nel ruolo di Cindy Morris
Gregory Itzin nel ruolo di Jack Stearns
Michael Mantell nel ruolo di senatore Ted Pullman
Yuri Sardarov nel ruolo di Mike
Bella Ivory nel ruolo di Jenny
Hayley Meyers nel ruolo di Jill Morris

Doppiatori italiani

Massimiliano Manfredi nel ruolo di Stephen Meyers
Francesco Pannofino nel ruolo di governatore Mike Morris
Pasquale Anselmo nel ruolo di Paul Zara
Massimo Rossi nel ruolo di Tom Duffy
Ilaria Stagni nel ruolo di Molly Stearns
Cristiana Lionello nel ruolo di Ida Horowicz
Luca Biagini nel ruolo di senatore Thompson
Emiliano Coltorti nel ruolo di Ben Harpen
Franca D'Amato nel ruolo di Cindy Morris
Dario Penne nel ruolo di Jack Stearns
Carlo Valli nel ruolo di senatore Ted Pullman
Giuseppe Ippoliti nel ruolo di Mike

Biografie correlate al film Le idi di marzo

Sceneggiatura

George Clooney, Grant Heslov, Beau Willimon

Soggetto

Beau Willimon, lavoro teatrale

Musiche

Alexandre Desplat

Altre schede di film

Scrivi un commento su questo film. La tua opinione è importante!

Ricevi gli aggiornamenti

Inserisci la tua migliore e-mail