DOWNLOAD PDF : Registrati e scarica le frasi degli autori in formato PDF. Il servizio è gratuito.

Dialogo dal film Don Camillo e l'onorevole Peppone

[Peppone, eletto deputato, è sul treno per Roma; alla stazione di Boretto vede Don Camillo che lo attende sul marciapiede]

Peppone: Cosa fate qui? Cosa volete?

Don Camillo: Non ho mai dimenticato che mi veniste a salutare, quando andai in esilio. Ora siete voi ad andarvene.

Peppone: Io non vado in esilio: parto perché ho vinto, non perché ho perduto.

Don Camillo: Hai perduto tua moglie che ti ha votato contro, hai perduto il tuo paese dove eri qualcuno; che cosa c'hai guadagnato? Di diventare un anonimo, una pallina da buttare nell'urna.

Peppone: Io sarò sempre quello che sono.

Don Camillo: Ah sì? E allora quando ti metteranno a sedere in una grande aula triste, come a scuola, allora penserai a tutte quelle cose che hai lasciato qui al paese. Penserai a quello che vedevi dalla finestra, la mattina, quando ti facevi la barba, penserai al tuo lavoro nell'officina e a come ti divertivi la domenica... e penserai anche a me, che non sarò più lì a darti un cazzotto in testa quando te lo meriti, vale a dire almeno una volta al giorno!

Peppone:[con il magone] Quando ritorno vi riduco in briciole!

Don Camillo: Ma se lo sai che torni più! E che non posso neanche dirti "Arrivederci, Peppone!", ma soltanto "Addio, Onorevole!".

[Dopo la partenza del treno si vede Peppone che è sceso sul marciapiede]

Peppone: Facchino!... Facchino! [Indicando a don Camillo di avvicinarsi]

Don Camillo: Eccolo! [Correndo sorridente verso Peppone] Mi ha chiamato lei signor deputato?

Peppone: No è il sindaco.

Don Camillo: Ah... Bene... Andiamo! [Don Camillo porta la valigia di Peppone fino all'uscita della stazione e Peppone gli mostra una banconota] No, grazie il servizio è gratuito.

Peppone: No riprendetevele pure tutte queste cinquemila lire, galantuomo!

Don Camillo: Ah! [Don Camillo riconosce la banconota falsa che aveva appioppato a Peppone all'inizio del film]

Resta aggiornato sulle frasi dei film

Iscriviti alla NEWSLETTER

Commenti

Non ci sono commenti. Pubblica tu il primo.

Temi correlati

Questa frase è presente in:

Commenta

Don Camillo e l'onorevole Peppone: approfondimenti

Leggi altri dialoghi, frasi celebri e curiosità tratte dal film Don Camillo e l'onorevole Peppone:

Breve trama del film

[da Wikipedia]
1948, nel paese prosegue la rivalità tra don Camillo e Peppone, che continuano a farsi i soliti dispetti. Oltretutto ci sono le elezioni, la campagna elettorale, molto infuocata, e Peppone, inoltre, si candida come senatore, cosa che fa uscire dai gangheri don Camillo, che si ritrova sempre più spesso davanti all'altar maggiore per protestare con il Cristo.

Tanti episodi divertenti, come il ritrovamento del carro armato, tenuto nascosto in vista della prossima "rivoluzione proletaria", l'esame di quinta elementare di Peppone,...leggi di più

Frasi di attori o personalità celebri correlate al film

Altri film da cui sono tratte celebri frasi e dialoghi

Scrivi un commento. La tua opinione è importante!

Ricevi frasi bellissime

I s c r i v i t i