DOWNLOAD PDF : Registrati e scarica le frasi degli autori in formato PDF. Il servizio è gratuito.

Le ali della Libertà

Frasi del film

Nel nostro database ci sono 33 frasi relative al film Le ali della Libertà. Leggile tutte.
Frasi di Le ali della Libertà

Riassunto e trama del film Le ali della Libertà

[da Wikipedia]

Stati Uniti d'America, Maine, 1947. Andy Dufresne (Tim Robbins), vice-direttore di una banca di Portland, viene condannato a due ergastoli per l'uccisione della moglie e del suo amante campione di golf, benché egli proclami la sua innocenza.

Viene imprigionato nel carcere di Shawshank, dove le guardie e il corrotto direttore Norton impongono la loro legge fatta di violenze gratuite e omicidi impuniti, di nascosto dallo Stato.

Andy resta inizialmente in disparte rispetto agli altri detenuti, venendo aggredito dalle "sorelle", prigionieri bulli capitanati da Bogs. Essi lo picchieranno e lo violenteranno per alcuni anni, finché Bogs non verrà scoperto dalle guardie corrotte, che lo massacreranno di botte fino a renderlo paralitico, facendolo trasferire in un ospedale psichiatrico. Un giorno, durante un lavoro forzato di ripristino sul tetto del carcere, Andy sente Byron Hadley, il sanguinario capitano delle guardie, parlare ai colleghi dei suoi problemi economici e - rischiando di essere assassinato dalla stessa guardia per la sua imprudenza - lo convince a farsi aiutare da lui con le sue competenze in ambito finanziario. Chiede e ottiene in cambio qualche birra per gli altri detenuti che lavoravano con lui sul tetto.

Da quel momento, Andy riscuote simpatie presso alcuni detenuti, in particolare da parte di Ellis Boyd Redding detto Red, un uomo ergastolano che controlla il contrabbando all'interno del carcere e che sarebbe in grado di procurare praticamente ogni oggetto gli venga richiesto. Red ha commesso un grave crimine in gioventù, ma dopo decenni di detenzione è cambiato.

I due diventano buoni amici e Andy gli chiede di procurargli un martelletto da roccia in quanto ama collezionare minerali e scolpire pietre; in seguito si fa anche procurare un poster dell'attrice Rita Hayworth.

Anche il direttore del carcere, Samuel Norton, viene a conoscenza delle abilità di Andy in campo finanziario e gli commissiona di occuparsi del disbrigo di pratiche contabili, al posto dei lavori forzati. In virtù di questo incarico, gli viene concessa "protezione" dagli altri detenuti e dalle stesse guardie; e il privilegio di svolgere un lavoro meno pesante e più coinvolgente del precedente: viene infatti spostato dalla lavanderia forzata alla biblioteca del carcere.

La biblioteca, piuttosto modesta, è curata ormai da un cinquantennio dall'anziano Brooks Hatlen. Andy, nominato suo aiutante, prende a cuore il suo nuovo incarico e progetta di ampliare la biblioteca.

Quindi, col consenso del direttore, Andy scrive ogni settimana una lettera al Senato chiedendo la concessione di fondi per lo scopo, ma le sue richieste rimangono senza risposta.

Avviene, intanto, che il comitato per la libertà condizionata concede la libertà al vecchio Brooks, il quale, pur non commettendo omicidi, ha però trascorso quasi l'intera vita in carcere a occuparsi della biblioteca, e non ha pertanto alcun desiderio di uscire dalla prigione, considerandola ormai casa sua.

Nel maldestro intento di restare all'interno del carcere, Brooks aggredisce il detenuto Heywood, minacciandolo con un coltello alla gola, ma viene fermato da Andy.

L'episodio resta circoscritto e senza conseguenze per nessuno (a parte un graffio alla gola di Heywood), e così Brooks lascia il carcere ed il suo corvo adottato Jake (cresciuto velocemente in età animale). Come atteso, la vita fuori per Brooks è molto difficile: è solo e non riesce ad integrarsi; perciò, disperato, si impicca nell'alloggio procuratogli dal comitato per la libertà condizionata. Andy e Red lo vengono a sapere tramite una missiva inviata loro dallo stesso Brooks. Con la sua morte, Andy diventa responsabile della biblioteca di Shawshank e, pertanto, potrà assistere direttamente all'istruzione dei detenuti negli anni.

Dopo innumerevoli lettere che Andy ha continuato a scrivere al Senato, ottiene finalmente una risposta e un modesto stanziamento. Continuando ostinatamente ad inviare al Senato le sue lettere, Andy riceve ulteriori fondi, fino a riuscire a trasformare la biblioteca radicalmente, ripulendola e rendendola la migliore biblioteca carceraria di tutto il Maine.

Dedica il nome della biblioteca alla memoria di Brooks e, nel frattempo, aiuta diversi detenuti a conseguire il diploma.

Ma nel suo lavoro di collaborazione fornita al dispotico e corrotto direttore Norton, Andy è costretto ad aiutarlo ad accumulare denaro in modo illecito, e, nel portare avanti questo disegno, intesta ogni operazione ad una persona di nome Randall Stephens.

Questo accorgimento ha lo scopo di non far figurare mai il nome del direttore, né quello di Andy, in caso venissero scoperti gli illeciti. Randall Stephens è però una persona immaginaria creata da Andy usando la propria perizia, con tanto di carta d'identità, assicurazione sanitaria e quant'altro. Diversi anni passano.

Un giorno, tra i nuovi detenuti in arrivo a Shawshank nel 1964, vi è Tommy Williams, un ragazzo condannato a due anni per furto con scasso. Egli racconta che, fin dall'età di 13 anni, ha collezionato una lunga serie di condanne scontate in molte diverse prigioni.

Tommy diviene subito amico di Andy e Red; il primo lo aiuta a studiare e a diplomarsi. Nel 1966 Tommy si diploma.

Ma un giorno, prima di essere scarcerato, domanda a Red il motivo per cui Andy è in prigione (dato che gli sembrava strano, poiché Andy è un grande maestro) e quando riceve la risposta, ricordando qualcosa, si confida con Andy, il quale, parlando con lui, fa un'importante scoperta insieme a Red: Tommy, quando si trovava in un altro carcere, ebbe come compagno di cella un certo ladro Elmo Blatch, che gli raccontò di essere anche un assassino e di aver ucciso per invidia un campione di golf e la sua amante, e che la polizia aveva arrestato al posto suo un bancario, marito della donna uccisa. Andy, ormai in carcere da quasi 20 anni, capisce che Blatch è il vero colpevole dell'omicidio per cui è stato accusato ingiustamente, così informa il direttore di questa storia. Ma Norton, pur di tenere con sé l'ex bancario per continuare a truffare, fa uccidere Tommy da Byron Hadley, per evitare che il ragazzo dica tutto in un ipotetico processo. Hadley, per non farsi scoprire, comunica che Tommy è stato ucciso con una fucilata da una guardia mentre tentava la fuga.

Inoltre Andy, per aver insultato Norton, viene chiuso in cella d'isolamento per un mese. Finito l'isolamento, Andy parla con Red dicendogli che lui ha una speranza, quella di poter finalmente uscire di galera, un giorno, e poter vivere serenamente. Prima di ritornare in cella, chiede a Red un favore: se mai Red uscirà di prigione, gli chiede di andare in un campo nella cittadina di Buxton dove c'è una grande quercia e un lungo muro di pietre, dove, sotto una di esse, si trova una cosa per lui. Red gli promette che lo farà.

La mattina dopo, durante l'appello dei detenuti, avviene un fatto straordinario: il direttore e le guardie non trovano Andy nella sua cella e scoprono che è scappato attraverso una galleria scavata nel muro. Infatti Andy, durante i suoi 20 anni di carcere, aveva scavato pazientemente nel muro col martelletto da roccia procuratogli da Red anni addietro e aveva coperto il grosso buco con il poster di varie attrici, mentre nascondeva il martelletto nella sua Bibbia lasciata lì. Evaso, il furbo Andy assume la falsa identità di Randall Stephens, si presenta, ben vestito e con tanto di scarpe lucide, alla banca dove Randall Stephens aveva accumulato il suo gruzzolo per poterlo ritirare completamente, invia al giornale Daily Bugle i documenti che smascherano e fanno arrestare il corrotto direttore Norton, intasca i suoi dollari e si trasferisce latitante in Messico, nella città di Zihuatanejo, aprendo un hotel. La polizia federale del Maine giunge a Shawshank per arrestare Norton, ma il direttore, scoprendo l'inganno di Andy tramite lo scambio delle sue scarpe lucide con quelle dell'ex detenuto, si uccide sparandosi alla gola, mentre il corrotto Hadley viene arrestato insieme ad altre guardie.

Red e gli altri detenuti parlano spesso di Andy dopo la sua evasione: grazie al suo cuore d'oro, infatti, era riuscito a fare di loro delle persone migliori. Dopo 40 anni da detenuto, Red, ormai quasi vicino alla vecchiaia e rimasto sempre innocuo in prigione, ottiene la libertà sulla parola. Però ha una promessa da mantenere: andato nel campo a Buxton, trova il muro che gli aveva descritto l'amico e sotto una pietra scopre una lettera e alcuni dollari per lui, sotterrati da Andy stesso quando era evaso.

La lettera di Andy, dice che lui si trova in Messico e che gli sarebbe tanto piaciuto se l'amico si fosse recato anch'egli sul posto. Ripensando alla frase "o fai di tutto per vivere, o fai di tutto per morire", Red sceglie di vivere. Violando la libertà condizionata che gli aveva trovato lo stesso lavoro di Brooks, l'ex detenuto raggiunge finalmente Andy in Messico, e i due si rincontrano felici, da uomini liberi, vivendo per sempre da amici nell'hotel di Andy.

Anno

1994 (25 anni fa)

Titolo originale

The Shawshank Redemption

Genere

Commedia, Drammatico

Durata

142 minuti (2 ore e 22 minuti)

Regia

Frank Darabont

Film di Frank Darabont

Poster e locandina

Attori del film Le ali della Libertà

Tim Robbins nel ruolo di Andy Dufresne
Morgan Freeman nel ruolo di Ellis Boyd 'Red' Redding
Bob Gunton nel ruolo di direttore Samuel Norton
William Sadler nel ruolo di detenuto Heywood
James Whitmore nel ruolo di detenuto Brooks Hatlen
Clancy Brown nel ruolo di capitano Byron Hadley
Gil Bellows nel ruolo di detenuto Tommy Williams
Mark Rolston nel ruolo di detenuto Bogs Diamond
Bill Bolender nel ruolo di detenuto Elmo Blatch
Brian Libby nel ruolo di detenuto Floyd
Joseph Ragno nel ruolo di detenuto Ernie
David Proval nel ruolo di detenuto Snooze
Frank Medrano nel ruolo di detenuto grasso
Jeffrey DeMunn nel ruolo di 1946 D.A.
Jude Ciccolella nel ruolo di guardia Mert
Brian Brophy nel ruolo di Membro della Commissione per la libertà condizionata del 1967

Trailer

Biografie correlate al film Le ali della Libertà

Sceneggiatura

Frank Darabont

Soggetto

Stephen King

Musiche

Thomas Newman

Altre schede di film

Scrivi un commento su questo film. La tua opinione è importante!

Ricevi frasi bellissime

I s c r i v i t i