DOWNLOAD PDF : Registrati e scarica le frasi degli autori in formato PDF. Il servizio è gratuito.

Il furore della Cina colpisce ancora

Frasi del film

Nel nostro database c'è una frase relativa al film Il furore della Cina colpisce ancora.
Frasi di Il furore della Cina colpisce ancora

Riassunto e trama del film Il furore della Cina colpisce ancora

[da Wikipedia]

Un ragazzo di nome Chen - Cheng Chao-An (Bruce Lee) - arriva dalla Cina in una piccola città della Thailandia, in cerca di lavoro. Chen è un esperto di arti marziali, ma ha promesso alla madre (e tale promessa è rappresentata da un ciondolo che porta al collo) che non avrebbe più combattuto. Viene ospitato da un cugino e da alcuni suoi amici, si innamora della bella cugina, e riesce a trovare lavoro in una fabbrica di ghiaccio. Il primo giorno di lavoro però, rompe una colonna di ghiaccio, e due amici del cugino trovano al suo interno dei pacchetti pieni di droga.

Il direttore della fabbrica prima cerca di corromperli, e non riuscendoci li fa uccidere. Insospettito dalla loro scomparsa, il cugino di Chen va a chiedere spiegazioni al padrone della fabbrica (il direttore si era giustificato dicendo che gli scomparsi erano stati invitati da lui), minaccia di chiamare la polizia e viene ucciso anche lui.

Esasperati da queste sparizioni e dal comportamento del direttore, troppo superficiale, gli operai della fabbrica decidono di scioperare. Durante la protesta, vengono chiamati degli scagnozzi dalla villa del padrone, e ne consegue una dura rissa durante la quale il ciondolo di Chen si rompe. Chen, furioso perché il suo cimelio di famiglia gli è stato spezzato, si scatena mettendo fuorigioco tutti gli scagnozzi.

Spaventato, il direttore, per tenerlo buono, prima lo nomina custode, poi lo invita a cena e lo fa ubriacare, portandolo in seguito in un bordello, il tutto con l'intenzione di corromperlo, facendogli dimenticare le sparizioni. Chen, redarguito dai suoi compagni, che lo credono corrotto dal boss, viene così screditato.

Il ragazzo comunque non si arrende, e grazie all'informazione di una prostituta (uccisa subito dopo dal figlio del padrone, che pedina Chen) scopre la droga, e anche i cadaveri degli scomparsi, nascosti nei blocchi di ghiaccio. Il figlio del boss, insieme ai suoi uomini, attacca Chen, ma vengono tutti sconfitti, e il figlio del boss viene ucciso. Sconvolto per aver ucciso, Chen decide inizialmente di andarsene, ma scopre che i suoi amici sono stati tutti assassinati nel sonno e la cugina è stata rapita.

Decide allora di vendicarli, recandosi alla villa del boss, che affronta e uccide dopo una dura lotta, per poi, nella scena finale, arrendersi davanti alla polizia chiamata dalla cugina (la ragazza era stata liberata da una cameriera durante lo scontro), la quale lo rassicura sul fatto che non verrà condannato per quanto commesso, essendo i fatti dalla sua parte.

Curiosità e note sul film

È il primo film di Bruce Lee con cui l'attore acquista notorietà internazionale. Il ruolo di protagonista non era stato pensato per lui ma per l'attore James Tien che interpreta il litigioso cugino. Lee entrò in seconda battuta, come anche il regista Lo Wei, chiamato a sostituirne un altro, l'attore e regista Wu Chia Hsiang, a riprese iniziate.

Il copione fu in parte riscritto durante le riprese.

Il film batte tutti i record di Hong Kong con oltre 3 milioni e mezzo di dollari locali di incasso.

In Italia arriverà nella primavera del 1973 come "falso" secondo film di Bruce Lee, incassando poco più di 200 milioni di lire, uscendo subito dopo il film "Dalla Cina con furore", considerato erroneamente da tutti il suo primo film (ecco quindi la presenza nel titolo dell'espressione "colpisce ancora").

Negli anni verrà rieditato nei cinema italiani più volte fino alla stagione 1981/82, quando nel primo weekend di uscita batte per numero di presenze nelle sale l'horror "Il tunnel dell'orrore" di Tobe Hooper.

Anche in America il film esce nel 1973 per secondo, dopo "Fist of Fury" ("Dalla Cina con furore") e col titolo scambiato per errore della distribuzione (la National General): doveva intitolarsi "The Chinese Connection" mentre uscirà come "Fist of Fury" (viceversa "Fist of Fury" uscì come "The Chinese Connection"). Sarà al primo posto della top ten americana il 16 maggio 1973 nel primo weekend d'uscita.

Il Mereghetti

Il film che ha lanciato Bruce Lee sulla ribalta internazionale imponendo la magistrale padronanza dell'attore nell'eseguire la tecnica del kung-fu.

Anno

1971 (49 anni fa)

Titolo originale

Tang shan da xiong

Genere

Azione

Durata

100 minuti (1 ora e 40 minuti)

Regia

Lo Wei

Film di Lo Wei

Data di uscita

lunedì 25 giugno 1973

Poster e locandina

Attori del film Il furore della Cina colpisce ancora

Bruce Lee nel ruolo di Cheng Chao-An
Maria Yi nel ruolo di Chiao Mei (Kioto-Mei)
James Tien nel ruolo di cugino Hsu Chien
Han Yin-chieh nel ruolo di Hsiao Mi
Lee Kwan nel ruolo di cugino Ah Kun
Tony Liu nel ruolo di Hsiao Chiun, il figlio di Hsiao Mi
Chen Chao nel ruolo di caporeparto
Tu Chia Ching nel ruolo di lo zio, all'inizio del film
Gam Saan nel ruolo di cugino Ah Shan
Billy Chan Wui-ngai nel ruolo di cugino Ah Pei
Lam Ching-ying nel ruolo di cugino Ah Yen
Nora Miao nel ruolo di venditrice di bibite
Ma La Lene nel ruolo di miss Wuman, prostituta tailandese

Doppiatori italiani

Cesare Barbetti nel ruolo di Cheng Chao-An
Micaela Esdra nel ruolo di Chiao Mei (Kioto-Mei)
Piero Tiberi nel ruolo di cugino Hsu Chien
Arturo Dominici nel ruolo di Hsiao Mi
Manlio De Angelis nel ruolo di cugino Ah Kun
Romano Ghini nel ruolo di Hsiao Chiun, il figlio di Hsiao Mi
Gino Baghetti nel ruolo di lo zio, all'inizio del film
Vittorio Stagni nel ruolo di cugino Ah Shan
Germana Dominici nel ruolo di venditrice di bibite

Biografie correlate al film Il furore della Cina colpisce ancora

Musiche

Peter Thomas, Fu-ling Wang

Altre schede di film

Scrivi un commento su questo film. La tua opinione è importante!

Ricevi gli aggiornamenti

Inserisci la tua migliore e-mail