DOWNLOAD PDF : Registrati e scarica le frasi degli autori in formato PDF. Il servizio è gratuito.

La scuola

Frasi del film

Nel nostro database ci sono 9 frasi relative al film La scuola. Leggile tutte.
Frasi di La scuola

Riassunto e trama del film La scuola

[da Wikipedia]

È l'ultimo giorno di scuola in un malandato istituto tecnico della periferia romana: gli alunni non sono proprio diligenti e i docenti danno il loro peggio sia dal punto di vista lavorativo che personale. In sala professori si svolge una festicciola per il pensionamento dell'anziana Serino, la quale però proprio in quel giorno risulta inspiegabilmente assente: si teme che possa essere rimasta coinvolta nel crollo del soffitto della biblioteca, dal momento che tra le macerie viene ritrovata una sua scarpa.

Il corpo docente si presenta estremamente variegato: la professoressa di matematica Majello, solare e radiosa e benvoluta da tutti, è in crisi con il marito perché si vocifera che abbia un amante tra i colleghi; il professor Cirrotta d'educazione fisica è gretto, volgare e pigro; la professoressa d'inglese Lugo, ansiosa e fragilissima, ha il terrore delle cose appuntite ed è oggetto degli scherzi crudeli degli alunni e dello stesso Cirrotta; il professore di francese Mortillaro, razzista e "beduino", si diverte a mettere scompiglio nell'istituto effettuando telefonate anonime per inesistenti "pacchi bomba" all'insaputa di tutti; il vicepreside Sperone, rigido e meschino, è convinto di aver ottenuto dal Ministero un importante trasferimento; l'ingenuo professore di italiano Vivaldi è decisamente il più amato dagli alunni, per il suo modo di fare umano, cordiale e comprensivo.

È proprio Vivaldi a ricordare tutto l'anno scolastico in una serie di flashback (riguardanti soprattutto la gita a Verona) che si alternano con le vicende tipiche dell'ultimo giorno di scuola: gli alunni, già svogliati e poco produttivi durante l'anno, rifiutano di farsi interrogare o si sottopongono a interrogazioni di "riparazione" di gruppo dando risposte strampalate. Anche loro non potrebbero essere più diversi: c'è la ragazzina graziosa ma un po' ignorante, quella incinta di un gradasso, l'"alternativa", il "secchione" asociale e il bullo incompreso. Ma soprattutto c'è Cardini, detto "la mosca", un ragazzo dai gravi problemi familiari e comportamentali che comunica solo facendo il verso dell'insetto. Deve essere assolutamente interrogato o per lui sarà bocciatura certa, ma naturalmente è assente e la cosa fa disperare Vivaldi che vorrebbe a tutti i costi farlo promuovere.

Gli scrutini finali iniziano in palestra, per l'inagibilità della biblioteca, presieduti dall'ignorantissimo preside che mira a far promuovere tutti per non avere fastidi. Nel mercanteggio dei voti i docenti iniziano a discutere animatamente dando sfogo a tutti i rancori repressi durante l'anno: Sperone apprende via fax di non aver avuto il trasferimento e ha uno scatto di nervi con un alunno che lo minaccia con un coltello, Cirrotta e Vivaldi litigano, mentre la professoressa Ostia mette fretta a tutti perché si termini. Nel bel mezzo di ciò scoppia l'ennesimo allarme-bomba fasullo di Mortillaro, che però questa volta viene scoperto da Vivaldi. Il caldo e la stanchezza dell'interminabile giornata, però, hanno la meglio e anche Vivaldi e la Majello iniziano a discutere: lui l'accuserà di avere una storia con Sperone e lei, pressata dal marito che fuori dall'istituto le urla che le porterà via la figlia, eromperà in un pianto isterico apparentemente senza motivo per poi ricomporsi in una glaciale indifferenza.

Alla fine, tutta la classe viene promossa eccetto Cardini che viene respinto nonostante l'appassionata difesa di Vivaldi. Ricompare la Serino che non era affatto morta nel crollo ma era andata al matrimonio del nipote, accompagnata da Cardini, dimenticandosi gli scrutini. Rimasto solo nella scuola ormai vuota, Vivaldi finalmente capisce: l'uomo che la Majello amava era proprio lui e lei aveva devotamente compilato l'orario scolastico in modo che i due si potessero incontrare ogni giorno ad ogni cambio dell'ora. Ma ormai è troppo tardi, alunni e professori vanno via mentre una moto passa rombando: è Cardini, che avrà ancora il tempo per fare un'ultima indimenticabile "mosca".

Anno

1995 (24 anni fa)

Titolo originale

La scuola

Genere

Commedia

Durata

104 minuti (1 ora e 44 minuti)

Regia

Daniele Luchetti

Film di Daniele Luchetti

Data di uscita

giovedì 6 aprile 1995

Poster e locandina

Attori del film La scuola

Silvio Orlando nel ruolo di professor Vivaldi
Anna Galiena nel ruolo di professoressa Majello
Fabrizio Bentivoglio nel ruolo di professor Sperone
Antonio Petrocelli nel ruolo di professor Cirrotta
Anita Zagaria nel ruolo di professoressa Gana
Roberto Nobile nel ruolo di professor Mortillaro
Enrica Maria Modugno nel ruolo di professoressa Lugo
Gea Martire nel ruolo di professoressa Ostia
Vittorio Ciorcalo nel ruolo di professor Mattozzi
Anita Laurenzi nel ruolo di professoressa Serino
Mario Prosperi nel ruolo di preside
Giulio Guglielmann nel ruolo di Coffaro
Maurizio Panoni nel ruolo di Timballo
Grazia Conteddu nel ruolo di Menegozzi
Simona Perreca nel ruolo di Sugaro
Valerie Nicolas nel ruolo di Martinelli
Giulia Ciancio nel ruolo di Santella (Alessia)
Fabio Lucino nel ruolo di Iandolo (Maurizio)
Vanessa Marini nel ruolo di Deborah
Daniela Alessio nel ruolo di Ciaccia
Mario Cerasi nel ruolo di Bernocchi
Gabriele Tomassini nel ruolo di Carraro
Paolo Merloni nel ruolo di Astariti
Lorenzo Alessandri nel ruolo del marito della professoressa Majello

Premi

David di Donatello 1995 Miglior Film

Biografie correlate al film La scuola

Soggetto e sceneggiatura

Daniele Luchetti, Sandro Petraglia, Stefano Rulli, Domenico Starnone

Musiche

Bill Frisell

Altre schede di film

Scrivi un commento su questo film. La tua opinione è importante!

Loading...

Ricevi una bella frase

I s c r i v i t i