DOWNLOAD PDF : Registrati e scarica le frasi degli autori in formato PDF. Il servizio è gratuito.

Lilli e il vagabondo

Frasi del film

Nel nostro database ci sono 7 frasi relative al film Lilli e il vagabondo. Leggile tutte.
Frasi di Lilli e il vagabondo

Riassunto e trama del film Lilli e il vagabondo

[da Wikipedia]

La notte di Natale del 1909, Gianni regala a sua moglie Lisa un cucciolo di Cocker spaniel che chiamano Lilli (Barbara Luddy) (gli sposi si chiamano tra loro "Gianni Caro (Giuseppe Rinaldi) " e "Tesoro (Rosetta Calavetta) ", così che anche gli animali li conoscono con questi nomi). Lilli gode di una vita felice con la coppia e con un paio di cani del quartiere, uno Scottish Terrier di nome Whisky (Lauro Gazzolo) e un Chien de Saint Hubert di nome Fido (Bill Baucom) . Nel frattempo, alla ferrovia della città, un cane meticcio (misto schnauzer) randagio di nome Biagio (Larry Roberts) vive la vita giorno per giorno, mendicando gli scarti dal ristorante italiano locale e proteggendo i suoi colleghi randagi Gilda (Tina Lattanzi) (un maltese) e Bull (un bulldog inglese) dall'accalappiacani locale.

Successivamente, Lilli è rattristata dopo che Gianni Caro e Tesoro iniziano a trattarla piuttosto freddamente. Whisky e Fido vanno a trovarla, e capiscono che il cambiamento nel comportamento è dovuto al fatto che Tesoro aspetta un bambino. Mentre Whisky e Fido cercano di spiegare cos'è un bambino, Biagio passa di lì e offre i propri pensieri sulla questione: "Un delizioso fagottino di guai". Whisky e Fido prendono subito in antipatia il randagio e, poco dopo, lo cacciano fuori dal cortile. Mentre Biagio se ne va, ricorda a Lilli che il cuore umano non ama illimitatamente e "quando ci si piazza un pupo, il cane deve andarsene".

Alla fine, il bambino arriva. Lilli vive la nuova situazione con curiosità e perplessità, poiché ancora non capisce esattamente cosa sia successo. Alla fine, però, Gianni Caro e Tesoro presentano Lilli al neonato e la cagnetta gli si affeziona subito. Poco dopo, la coppia deve assentarsi da casa per qualche giorno e deve affidare la cura della casa, del bambino e della piccola Lilli a Zia Sara (Verna Felton) . La zia, tuttavia, non sembra amare molto i cani e, infatti, impedisce a Lilli di avvicinarsi al bambino. Quando la cagnetta si scontra con i due gatti siamesi combinaguai di zia Sara, Si e Am, i due riescono ad aumentare l'astio che Zia Sara prova per lei: ben presto, la zia porta Lilli in un negozio di animali per comprare una museruola. Lilli, tuttavia, fugge e si ritrova a vagare per le vie della città, venendo inseguita da alcuni cani randagi. Biagio, che si trova nei paraggi, assiste alla scena e interviene, salvandola. Successivamente, la conduce allo zoo locale dove, approfittando di un castoro un po' ingenuo, riesce a liberare Lilli dalla museruola. Più tardi, Biagio mostra a Lilli come vive "libero senza padroni", consumando poi con lei una cena italiana a lume di candela che si conclude con il famoso "bacio degli spaghetti". Lilli comincia ad innamorarsi di Biagio, e i due passano la notte insieme su una collina nel parco.

Mentre accompagna a casa Lilli il mattino seguente, Biagio provoca scompiglio in un pollaio e, mentre i due cani fuggono, Lilli viene catturata dall'accalappiacani. Al canile, gli altri cani ammirano la medaglietta di Lilli, spiegandole che quello è il suo "passaporto per la libertà". Casualmente, poi, i discorsi dei randagi si spostano su Biagio e, tra le altre cose, vengono enumerate le numerose fidanzate che ha avuto, cosa che ovviamente non lo pone in buona luce con Lilli. Alla fine, la cagnolina viene riscattata dalla zia Sara e incatenata alla cuccia in cortile. Poco dopo Whisky e Fido si recano da lei per confortarla e, nel mentre, arriva anche Biagio per chiederle scusa. Arrabbiatissima, Lilli si confronta con lui sulle sue fidanzate e i suoi tentativi falliti di salvarla, dopodiché Biagio se ne va.

Qualche istante dopo, mentre inizia a piovere, Lilli vede un ratto che cerca di intrufolarsi in casa con l'intenzione evidente di danneggiare il bambino. Lilli abbaia freneticamente, ma zia Sara le dice di smetterla. Biagio la sente abbaiare e si precipita ad aiutarla, entrando in casa e affrontando il ratto nella cameretta del bambino. Lilli si libera e corre nella cameretta, trovando il ratto sulla culla del bambino. Biagio riesce ad uccidere il ratto, facendo però cadere la culla e svegliando il bambino. Quando zia Sara arriva in aiuto del bambino, vede entrambi i cani e pensa che siano responsabili. Rinchiude Biagio in un armadio e Lilli nel seminterrato, poi chiama l'accalappiacani perché porti via Biagio.

Gianni Caro e Tesoro tornano a casa mentre l'accalappiacani sta partendo. Una volta liberata Lilli, questa conduce loro e la zia Sara al ratto morto, dimostrando le buone intenzioni di Biagio. Dopo aver sentito tutto e aver realizzato le intenzioni di Biagio, Whisky e Fido vanno alla ricerca del carro dell'accalappiacani. Whisky è convinto che Fido abbia perso da tempo l'olfatto, ma il vecchio segugio non gli dà retta, ed è in grado di trovare il carro. I due abbaiano ai cavalli che, frastornati e spaventati dai latrati, rovesciano il carro. Gianni Caro arriva in taxi con Lilli, la quale si riunisce finalmente a Biagio. Tuttavia, Fido è rimasto ferito a una zampa nell'incidente del carro e Whisky ulula di dolore.

Biagio, per farsi perdonare, entra a far parte della famiglia di Lilli, ottenendo finalmente un suo collare con la medaglietta. Lilli e Biagio crescono insieme i loro quattro cuccioli: tre assomigliano a Lilli mentre uno assomiglia a Biagio. Zia Sara si è riconciliata con Lilli e il giorno di Natale le manda in regalo una scatola di biscotti per cani. Sempre in quel giorno Whisky va a trovare la famiglia insieme a Fido, che cammina ancora con una zampa bendata. Grazie ai cuccioli, Fido ha finalmente un pubblico fresco per le sue vecchie storie, ma si accorge di essersele dimenticate.

Anno

1955 (67 anni fa)

Titolo originale

Lady and the Tramp

Genere

Commedia, Animazione, Avventura, Sentimentale

Durata

76 minuti (1 ora e 16 minuti)

Regia

Hamilton Luske, Clyde Geronimi, Wilfred Jackson

Film di Hamilton Luske
Film di Clyde Geronimi
Film di Wilfred Jackson

Data di uscita

giovedì 15 dicembre 1955

Poster e locandina

Attori del film Lilli e il vagabondo

Doppiatori originali

Peggy Lee nel ruolo di Tesoro, Si, Am, Gilda
Barbara Luddy nel ruolo di Lilli
Larry Roberts nel ruolo di Biagio
Bill Thompson nel ruolo di Whisky, Bull, Poliziotto, Dachsie, Joe
Bill Baucom nel ruolo di Fido
Stan Freberg nel ruolo di Castoro
Verna Felton nel ruolo di Zia Sara
Alan Reed nel ruolo di Boris
George Givot nel ruolo di Tony
Dal McKennon nel ruolo di Toughy, Professore, Pedro, Iena
Lee Millar nel ruolo di Gianni Caro, Accalappiacani
The Mellomen nel ruolo di Cani (canto)

Doppiatori italiani

Rosetta Calavetta nel ruolo di Tesoro
Tina Lattanzi nel ruolo di Gilda
Flaminia Jandolo nel ruolo di Lilli
Stefano Sibaldi nel ruolo di Biagio
Lauro Gazzolo nel ruolo di Whisky
Renato Turi nel ruolo di Poliziotto
Mario Besesti nel ruolo di Fido
Bruno Persa nel ruolo di Castoro
Maria Saccenti nel ruolo di Zia Sara
Luigi Pavese nel ruolo di Boris
Pino Locchi nel ruolo di Toughy
Giuseppe Rinaldi nel ruolo di Gianni Caro
Susanna Javicoli nel ruolo di Tesoro
Nancy Brilli nel ruolo di Si, Am, Gilda
Margherita Buy nel ruolo di Lilli
Claudio Amendola nel ruolo di Biagio
Marco Columbro nel ruolo di Whisky
Vittorio De Bisogno nel ruolo di Joe
Riccardo Garrone nel ruolo di Fido
Massimo Lodolo nel ruolo di Castoro
Isa Bellini nel ruolo di Zia Sara
Franco Chillemi nel ruolo di Tony
Oliviero Dinelli nel ruolo di Professore
Massimo Rossi nel ruolo di Gianni Caro

Biografie correlate al film Lilli e il vagabondo

Sceneggiatura

Erdman Penner, Joe Rinaldi, Ralph Wright, Don DaGradi, Joe Grant, Dick Huemer, Louis Pollock

Soggetto

Ward Greene

Musiche

Oliver Wallace

Altre schede di film

Scrivi un commento su questo film. La tua opinione è importante!

RICEVI GLI AGGIORNAMENTI
Inserisci la tua migliore e-mail